Edizioni Labrys


Vai ai contenuti

Menu principale:


Anticamorra silente

Libri

Anticamorra silente
Dalla repressione alle Teen Courts


… gli individui sono spinti alla disonestà perché la disonestà è molto diffusa … La grande diffusione della disonestà necessita di essere modificata … [E. Sutherland]
Per ottenere questa fondamentale modifica osserva Sutherland «il comportamento criminale e delinquente giovanile deve essere definito come indesiderabile dai gruppi personali ai quali una persona partecipa … (invece) il comportamento conforme alla legge deve essere definito come desiderabile all’interno degli stessi gruppi».
Il sistema delle
Teen Courts, di controllo sociale formale che utilizza modalità informali, è nel contempo uno strumento di prevenzione generale e di prevenzione speciale sui generis, applicabile post delicta, contro la recidiva e ante delicta, quale importante strumento di educazione alla legalità.
L’autrice ipotizza la possibilità di intervenire, proprio attraverso il sistema delle
Teen Courts, nei confronti dei minorenni campani coinvolti nella cultura di camorra, diffondendo i valori della giustizia e del diritto e riavvicinando, in tal modo, le vittime di associazioni differenziali “negative” alle istituzioni.

SIMONA MELORIO

Ph.D in “Criminologia, devianza e mutamento sociale”, è assegnista di ricerca in Criminologia presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Si occupa, prevalentemente, di capitale sociale e criminalità organizzata nel Mezzogiorno d’Italia.
Tra i suoi scritti:
Cultura di Camorra, Edizioni Labrys, Benevento, 2010; Camorra: alcune ragioni di un sistema istituzionale stabile, in Annali 2010 dell’Università degli Studi del Molise; Capitale vincolato: camorra minorile e capitale sociale negativo in Campania, in Quaderni Cirsdig, Febbraio 2009.

Videolabrys | Catalogo pubblicazioni | Distribuzione | Condizioni di vendita | Libri | DVD | E-book | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu